Gestire le foto digitali

La fotografia digitale ha trasformato completamente quasi ogni aspetto della fotografia. Non ultimo la conservazione delle foto e la loro gestione e visione. Dopo aver scattato le foto bisogna archiviarle in un computer per poterle vedere, scegliere, stampare, modificare, condividere sui social network o semplicemente inviare ad amici via email. Tuttavia non è così semplice e banale come sembra, aspetti come sicurezza delle foto e organizzazione delle foto per renderne facile la ricerca successiva non è cosa scontata. Ogniuno di noi adotta i suoi sistemi e utilizza i software che preferisce. Cercherò di seguito di dare dei consigli in base alla mia esperienza e agli strumenti che ho scelto.

STRUMENTI

Utilizzo un MacBookPro, per la sua semplicità di utilizzo, la sua affidabilità e la sua qualità in generale. Per l’archiviazione uso dischi Western Digital o G-Technology, sempre per la loro affidabilità e per la loro indiscutibile qualità costruttiva. I G-TECH hanno tutti una scocca in alluminio indistruttibile il ché li rende perfetti per uno come me che non sempre ha molta cura di questi oggetti. Le schede di memoria che utilizzo per le mie fotocamere sono LEXAR o SanDisk, più o meno per gli stessi motivi. Per quanto riguarda il software uso Aperture 3 per la gestione delle immagini e per la post produzione, Silver Effex per la conversione delle immagini RAW in Bianco e Nero e Snaapseed di tanto in tanto per divertirmi un po’ con qualche “effetto speciale” e infine photoshop solo per alcuni casi davvero “particolari”. Per clonare il disco library uso il software CarbonCopyCloner, software gratuito che funziona davvero bene.

WORK FLOW

Il mio work flow è piuttosto semplice e “credo”, “spero” piuttosto sicuro ed “ergonomico. Importo le foto direttamente in Aperture in una libreria residente su un disco esterno. Per archiviare le mie foto ho scelto un MiniRaid che collego al mio MacBook pro tramite la porta FIREWIRE800. Il disco RAID è composto da due dischi ed è configurato in modo che le foto vengano copiate in modo speculare su entrambi i dischi (RAID 1). In questo modo, nella malaugurata ipotesi che un disco si rompa, le mie foto sono recuperabili dal secondo disco. Il mio lavoro di post produzione verrà fatto direttamente su questo disco sul quale la mia libreria sarà sempre aggiornata e ridondata sui due dischi. Inoltre, per aumentare la sicurezza, a costo di sembrare paranoico, importo le mie foto in Aperture attivando l’opzione di Backup, in questo modo ho le mie foto originali salvaste su un disco. Queste foto non verranno mai toccate e sostituiranno di fatto il vecchio archivio dei negativi. Per i negativi digitali uso sempre un disco collegato con USB, ma comunque un disco di qualità e affidabile (questo).

Posso sembrare davvero paranoico, me ne rendo conto, ma le foto di mia figlia in braccio a mia moglie 2 minuti dopo essere venuta al mondo hanno per me un valore inestimabile. Il disco dei negativi se ne fila dritto in cassaforte 5 minuti dopo l’importazione. Quando importo le foto nella libreria le divido per progetti. Per dare al progetto (o cartella) un nome che possa aiutarmi nella successiva ricerca utilizzo una semplice regola. Compongo il nome iniziando con la data di importazione; per esempio le foto della passeggiata serale di ieri che importerò questa sera, finiranno in un progetto che si chiamerà 20120605-PassSerale. La data è scritta al contrario, questo per permettere che dopo un ordinamento alfabetico dei progetti gli stessi finiscano anche in ordine di data. Dopo il trattino inserisco una quanto più breve possibile descrizione.

Infine, dopo aver taggato, etichettato ed eventualmente modificato le foto originali eseguo un backup del disco Library utilizzando il software gratuito CarbobCopyClone. Questo clone, che viene periodicamente aggiornato, viene conservato in un luogo diverso dal disco Library.

Ricapitolando: ho un disco library RAID su cui ci sono i vari progetti. Un disco in cassaforte dove ci sono tutti i negativi digitali delle foto. Un disco clone dove ci sono le copie di tutti i progetti del disco library. In questo modo è difficile perdere foto. Il flusso di lavoro tutto sommato è piuttosto semplice, basta ricordarsi di attaccare il secondo disco durante l’import delle foto e clonare periodicamente il disco library.

Voi come fate ? Qual’è il vostro flusso di lavoro ?

2 risposte a “Gestire le foto digitali”

  1. Io ho disseminato per casa un milione di copie di back-up su DVD e HD da 2,5 per non parlare di una back-up unit in RAID 0… ma non credo sia molto ergonomica come soluzione!!!
    PS: ho un PC Windows… lo so… mi dovrei vergognare!

    1. fai bene a prestare attenzione all’argomento backup, perdere i dati può essere davvero un disastro. RAID 0 però non è la soluzione migliore, se parliamo di sicurezza. RAID 0 è ottimo se ti servono prestazioni. Il problema però è che se ti crolla uno dei due dischi, il RAID te lo sei giocato, ne più ne meno. Con RAID 1 invece, nel caso in cui uno dei due dischi crolli, riesci a ricostruire i tuoi dati. Per capire meglio dai un’occhiatina a questo semplice schema http://it.wikipedia.org/wiki/RAID.
      Si potrebbe parlare di RAID per delle pagine, ma mi fermo qui. Se hai bisogno di ulteriori dettagli non esitare a contattarmi.
      Have a nice day

      P.S. per il sistema WIn, ti consiglio Symantec Backup Exec. E’ ottimo, affidabile e ha un paio di cosettine niente male. Per esempio puoi trasformare un recovery point in una VM (dici niente).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.