Schede di memoria (tutorial pills N.1)

Il “digitale”  ha portato tanti vantaggi e tanti problemi ai fotografi. Certo è che il fatto di avere al posto di rulli BN da 100 ISO, rulli BN da 400 ISO, rulli BN da 800 ISO, rulli BN da 3200 ISO (adoravo la grana dei TMAX 3200) e poi ancora rulli a colori da 100, da 400 e da 800 ISO; un paio di scatolette grandi come un pacchetto di caramelle con dentro qualche  CF da 8, 16 o 64 GB è  un gran bel vantaggio. Le schede sono leggere, poco ingombranti e di certo moooooooolto più capienti di un rullo da 36 pose. Tuttavia bisogna adottare qualche piccola precauzione per ridurre al minimo il rischi di perdere i dati che contengono, ovvero le nostre preziosissime foto. Dopo tutto si tratta di un pezzetto di materiale ferromagnetico che puo anche smagnetizzarsi e lasciarci senza il nostro lavoro. Di seguito qualche consiglio per l’uso, il trasporto e la conservazione.

1- trasporto sempre le mie schede di memoria (nel mio caso al 90% CF card) dentro a contenitori robusti e “schermati”, in modo da proteggere le schede dalle cariche elettrostatiche che possono danneggiarle anche seriamente;

2- quando sostituisco la CF, lo faccio sempre con la fotocamera spenta;

3- Nel caso usi le SD evito di toccare con le mani i contatti elettrici delle schede, cercando sempre di afferrarle dalla parte posteriore (nelle CF i contatti non sono esposti);

4- Dopo che ho scaricato i dati nel MacBook non cancello le card fino al successivo riutilizzo, questo mi garantisce un ulteriore backup delle immagini originali.

5- Formatto le schede sempre dalla fotocamera in cui le userò, questo per assicurarimi una completa compatibilità ed evitare che rimanano sula card sporcizie, tipo cartelle nascoste e cose del genere che alcune fotocamente creano quando registrano i dati

6- quando acquisto una card nuova scrivo la data dell’acquisto sulla card con un pennarello indelebile, in questo modo so quali sono le card più vecchie e dopo un certo numero di formattazioni le uso per foto non professionali e le sostituisco con card nuove

7- è comunque salutare scaricare un software per il recupero dei dati accidentalmente cancellati dalle schede di memoria. Ogni brand ha il suo e in genere lo rende disponibile gratuitamente e scaricabile dai siti internet di riferimento

8- evito di acquistare schede anonime ma mi affido a marche conosciute ed affidabili. Non è vero che sono tutte uguali, fabbricate tutte nella stessa fabbrica nelle campagne cinesi.

Nella prossima “pillola” parleremo di compensazione dell’esposizione per i controluce e per le foto con soggetto illuminato su sfondo scuro, come capita ad esempio ai concerti, o alla recita di fine anno dei vostri figlio o nipotini.

STAY TUNED

www.andreatognoli.it

Una risposta a “Schede di memoria (tutorial pills N.1)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.